Resoconto del CD del 28 e 29 aprile 2016

Category: Notizie Written by antonio passeri Hits: 10108

Riunione preliminare del 28 aprile 2016

La riunione si apre con due presentazioni sullo stato di Advanced VIRGO (Giovanni Lo Surdo, project leader) e sul futuro di VIRGO (Gianluca Gemme). Presente anche il prof. Fulvio Ricci coordinatore del progetto VIRGO.

Il  Presidente chiede qual è l’impegno e il coinvolgimento della Francia senza la quale il progetto presenta una forte criticità. Il punto di svolta per capire se la Francia ci sarà è la nascita di un ERIC. Il Presidente sottolinea inoltre che parte del programma scientifico di Advanced Virgo è molto vicino ai campi di interesse  dell’INAF e suggerisce di pensare seriamente a coinvolgerlo.

Il presidente informa che il DM che assegna i nuovi posti da ricercatore non è ancora stato registrato alla Corte dei Conti. Non abbiamo quindi ancora la certezza di quali saranno le regole da rispettare, tuttavia dobbiamo tenerci pronti a fare uscire dei bandi appena il decreto sarà ufficiale. Per questo dobbiamo lavorare subito sul disciplinare concorsi e sui bandi. Inoltre il decreto delegato in corso di scrittura interferisce con i concorsi perché potrebbe cancellare il terzo livello, per questo i 24 nuovi posti da tecnologo inseriti nel nuovo Piano Triennale vanno banditi prima dell’estate. Dobbiamo anche  intersecare le chiamate dirette con la tabella di fabbisogno del personale.

Per quanto riguarda le chiamate dirette di interni (promozioni) abbiamo 4 vincitori di ERC da chiamare (N.Cartiglia, G.Cavoto, L.Conti e A.Longhin), ma la circolare congiunta MIUR-FP che regola le chiamate dirette negli EPR limita il numero di queste promozioni al 50% delle chiamate dirette fatte su fondi FOE. Tali chiamate per l’INFN sono state finora 5, quindi ci verranno riconosciute subito solo 3 promozioni (che sono quelle che abbiamo previsto nel PT). Dopo una discussione con i direttori si decide di inviare comunque la richiesta di 4 promozioni, con l’impegno che 3 vengano fatte subito ed una sia approvata fin da ora e tenuta in serbo per quando potrà essere resa operativa (ovvero quando saranno state fatte altre chiamate dirette su fondi FOE).

Ferroni  informa che è stato nominato il nuovo presidente dell’AREA di ricerca Trieste, il prof.Sergio Paoletti, ed anche il nuovo presidente dell’INGV, il prof. Carlo Doglioni  de “La Sapienza”.

Il presidente introduce la discussione sui bandi per i prossimi concorsi per 73 posti da ricercatore, esprimendo una sua forte e meditata posizione in favore di due soli bandi: uno per ricercatori teorici ed uno per sperimentali. Per i teorici pensa di mettere a bando circa 15 posti, proporzionalmente alla attuale numerosità della componente teorica nell’Ente, tutto il resto nell’altro bando. Inoltre afferma la necessità di non porre alcun vincolo a priori sulla sede di destinazione dei vincitori, lasciandoli scegliere liberamente, dando comunque loro la possibilità di valutare anche parlando con i direttori delle possibili sedi di interesse. Questa scelta risponde a due considerazioni:

-          Fare una programmazione per linea scientifica e per sede equivarrebbe a riempire una matrice con circa 100 caselle. Un lavoro forse impossibile da fare in tempo utile (i vincitori vanno assunti entro fine anno).

-          Una qualsiasi programmazione a priori finirebbe inevitabilmente per porre dei vincoli alla selezione del massimo numero possibile di giovani brillanti che questo decreto ci permette di fare, saltando se necessario gli schemi abituali. Se, a valle del concorso, rileveremo degli squilibri fra linee di ricerca o fra sedi, potremo correggerli anno per anno con la normale programmazione del fabbisogno di personale.

È essenziale nel frattempo aggiornare il disciplinare dei concorsi, ampliando la composizione delle commissioni (attualmente per i concorsi al terzo livello sono previsti solo tre commissari), ed inserire nei bandi dei criteri di valutazione aderenti alle richieste del DM. Sarà inoltre importante scegliere dei membri di commissione che abbiano una conoscenza profonda e ampia delle varie componenti dell’Ente.

Intervengono molti direttori, alcuni condividendo la posizione del presidente (Diemoz, Cuttone, Ragazzi), ma in maggioranza esprimendo perplessità e preoccupazione riguardo a due punti:

-          Difficoltà di gestire un solo concorso con varie linee scientifiche sia per la comparazione dei candidati, sia per il loro alto numero;

-          Possibili forti squilibri fra sedi ed aree geografiche che la libera scelta della sede da parte dei vincitori potrebbe causare.

Il rappresentante dei ricercatori ricorda di aver fatto presente queste stesse perplessità in una lettera al presidente e ritiene che anche la miglior commissione possibile avrà serie difficoltà a fare in tempo utile una selezione così complessa.

Al termine del giro di opinioni il presidente conferma la sua posizione.

Zoccoli comunica che il CIPE ha stanziato 12.5 Meuro per il progetto di calcolo scientifico.

Il prof. Masiero relaziona sull’esito della trattativa sindacale dove si è finalmente raggiunto un accordo sul salario accessorio, anche se ci sono dei punti delicati che andranno definiti, in particolare sulla distribuzione della parte premiale. Il salario accessorio totale è rimasto di 9.33 milioni, come concordato già da tempo con le OO.SS. L’INFN ha accettato di ridurre la quota di produttività da 378 keuro (proposta iniziale) a 100 keuro. Di contro  i sindacati hanno rinunciato a smuovere il totale. L’indennità di Ente è stata portata a 6.450 keuro, questo ha reso necessario reperire 450 keuro: 278 sono stati presi appunto dalla produttività, gli altri da turni e straordinari. I sindacati avrebbero voluto prenderli dalle indennità di responsabilità, ma l’Ente si è impegnato a rivederle in un passaggio successivo, a bocce ferme, valutando bene i casi. Quindi per ora le responsabilità sono rimaste le stesse. Sono variati invece turni e straordinari, calati di 50 keuro ciascuno, pari a circa il 10%. Le indennità invece globalmente sono 1.4 milioni e vanno riviste. Infine i sindacati hanno insistito sulla necessità di cominciare a discutere il salario accessorio per i livelli 1-3.  Le cifre sono modeste ma per i sindacati è una questione di principio. Il reperimento dei fondi esterni sicuramente deriva da azioni precise intraprese da ricercatori e tecnologi e si potrebbero introdurre degli incentivi che potenzialmente però creano distorsioni.

Masiero sottolinea anche che l’accordo raggiunto è un notevole impegno finanziario per l’ente, in quanto i 9.333 keuro vengono da 7.433 keuro che sono dovuti per legge (anni precedenti) a cui vanno aggiunti 1.9 milioni da reperire negli overheads di una ristretta gamma di progetti dell'ente su fondi esterni (restano esclusi, ad es., tutti i progetti premiali che sono finanziati sul FOE). Negli anni questi overhead hanno oscillato fra 2 e 3.5 milioni ogni anno. Siamo quindi pericolosamente vicini alla soglia e sarà essenziale una gestione molto oculata di questi fondi.

Cuttone riconosce che la trattativa è stata complicata, ma alcuni aspetti preoccupano, come il taglio sugli straordinari, e soprattutto quello ai turni che inevitabilmente costringerà  a fermare le macchine ogni tanto. Ritiene che i tagli lineari non siano corretti e invita ad una riflessione sul problema.

Ferroni risponde che questo era l’unico compromesso possibile, ma la scelta è rinegoziabile ogni anno: una volta ridefinite per bene le indennità, è possibile che il prossimo anno si riesca a compensare il taglio dei turni.

Nappi: ricorda che andrebbero riviste anche le indennità per sede disagiata che ammontano a200 keuro.

Vari direttori esprimono dispiacere per la riduzione di turni e straordinari.

Masiero ricorda che bisogna ancora definire i criteri per l’assegnazione dei 100keuro di produttività. Cuttone ritiene che sia la voce giusta per ricompensare il lavoro in più, quello che normalmente si faceva con lo straordinario. Ma ora per farlo serve un piano di valutazione della performance.  Il rappresentante del personale TTA sottolinea che per poter definire dei criteri per l’assegnazione della produttività serve un lavoro piuttosto lungo che consenta la individuazione di indicatori di performance che possano orientare chi ha il compito di valutarli e che siano condivisi e conosciuti dai dipendenti prima del loro impiego nella valutazione.

Alcuni direttori esprimono perplessità sul salario accessorio dei livelli 1-3, anche in vista della possibile approvazione del decreto delegato.

Nappi riepiloga l’assegnazione degli straordinari a seguito del  taglio del 10% da parte del gruppo di lavoro sugli straordinari; si è tornati a tre assegnazioni annuali; quindi invece di assegnare aprile-dicembre, proprio per permettere di risolvere criticità che potrebbero emergere in corso d’anno, si assegneranno un numero di ore straordinarie maggio-settembre scalato, tenendo conto del taglio del 10% e con la speranza che con la tranche finale si possa  recuperare un po’.

Il prof. Zoccoli relazione sul Piano Triennale 2016-2018 inviato al MIUR, FP e MEF. Vengono mostrate le tabelle di fabbisogno del personale: Nel 2016 viene rimodulata la pianta organica in modo da recuperare 19 tecnologi. Per gli anni successivi si è puntato a creare posti di dirigente tecnologo e primo tecnologo nel 2017 e posti di ricercatore nel 2018. Per il personale TA l’obiettivo è di ricominciare ad assumere amministrativi.

Nel 2016 quindi si chiedono 24 tecnologi, 10 Cter VI livello e 3 collaboratori di amministrazione  VII livello. Con l’obiettivo di bandire a giugno i tecnologi e i tecnici, mentre gli amministrativi a fine anno.

 

Consiglio Direttivo 29 aprile 2016

Il Presidente informa che, a seguito di un colloquio con il DG del MIUR  riguardo l’approvazione della  tabella di fabbisogno di personale del PT, ha avuto rassicurazione che questa  potrà essere  approvata pochi giorni dopo lo scadere del termine per il silenzio assenso degli altri Ministeri vigilanti. Questo ci consentirebbe di  deliberare i  bandi a giugno.

Il presidente saluta il direttore di Torino Amedeo Staiano al suo ultimo CD, ringraziandolo per il lavoro svolto.

Il presidente saluta anche il DG pro-tempore Pellegrini e lo ringrazia per la disponibilità a coprire questo breve interregno.

Il prof. Cumo rappresentante del MISE scadrebbe il 6 maggio, ma dovrebbe avere altri 45 gg di prorogatio.

Si procede a votare per eleggere il direttore della sezione di Bari. Il direttore uscente De Palma è disponibile al rinnovo. La consultazione in sede ha avuto il seguente esito: aventi diritto 95, votanti 80, De Palma 63, bianche 12, nulle 4, Nappi 1.

Votazione in CD: votanti 32, De Palma 32.

A.Zoccoli illustra delibere di bilancio in approvazione. Quest’anno gli avanzi vincolati non vengono riassegnati perché c’è una nuova norma che prevede che si debbano richiedere esplicitamente al MEF. Quindi non possiamo riassegnarceli da soli. L’INFN a inizio anno ha fatto richiesta, considerando avanzo vincolato anche i fondi MIUR su progetti vincolati, mentre non ha considerato i fondi europei (perché da contratto con UE, non con Italia). L’anno prossimo dovranno essere considerati anche i fondi europei.

Da inizio 2015 c’è l’obbligo di pagare le fatture a 30 gg. Tutte, anche quelle che arrivano con la richiesta di pagare a 60 gg. Se la ditta non manda il DURC in tempo, non basta chiederglielo, questo non interrompe i termini. Quindi è stato necessario scrivere un addendum al bilancio per specificare  che le nostre fatture sono state pagate a 30 gg per un totale di 65 milioni, ma per un ammontare di 35 milioni sono state pagate a 60 gg. La media è comunque sotto i 30 gg, quindi l’INFN è in regola, ma bisogna fare meglio e sarà preparata una circolare per spiegare come comportarsi in questi casi.

Sempre da quest’anno, per il bilancio non basta l’approvazione formale del CD, ma serve anche un riscontro dal ministero, che impiega un certo tempo. Quindi non è possibile riassegnare subito l’avanzo libero, ma verrà fatto al prossimo CD. Quello vincolato è già stato riassegnato.

Il direttore di Bologna fa presente che nella circolare della ragioneria dello Stato n.3 si dice che il pagamento a 60 gg è ammesso se il contratto lo prevede esplicitamente. Il dott.Ciardiello conferma e aggiunge che anche altre circolari successive lo dicono e spiegano come calcolare i tempi di pagamento delle amministrazioni. Essendo il primo anno che si fanno queste verifiche bisogna rivedere bene quali casi considerare e quali no. La media dei pagamenti INFN è a 29 .83 giorni, ma si può migliorare.

Il revisore dei conti precisa che il pagamento a 30 gg è richiesto da una normativa europea del 2000, anche se solto ultimamente sono state previste delle sanzioni in Italia. Deve però essere chiaro che la regola è comunque 30 gg, i 60 gg devono essere casi eccezionali. Le parti possono concordare un termine successivo ai 30 gg, ma questi casi vanno motivata, deve essere una eccezione a cui si ricorre  il meno possibile.

M.Diemoz chiede che venga inviata ai direttori una circolare chiara. Serve uno sforzo per poter estrarre semplicemente l’informazione della tempestività dei pagamenti dal Sistema Informativo. Tra l’altro questa situazione crea malumori nelle amministrazioni che si sentono sotto tiro.

Alcuni riportano un indice di tempestività dei pagamenti pesato per l’onerosità delle fatture, ma non vi è certezza su quale parametro vada veramente considerato. Il presidente chiederà di avere una relazione dettagliata su queste regole per il prossimo CD.

A.Zoccoli assicura che l’amministrazione sta già applicando i dovuti correttivi in modo che la cosa non si ripeta l’anno prossimo.

Si procede all’approvazione delle delibere, fra cui da notare quella contenente il Piano Triennale 2016-18, quella per la costituzione del fondo salario accessorio a seguito dell’accordo sindacale, contratti RtdA a Firenze, Roma3 e Torino (2),

Il Rappresentante nazionale del personale TTA chiede a quale punto sta  la modifica  dei disciplinari elettivi dei Direttori di Struttura per consentire al Personale  a tempo determinato di poter far parte dell’elettorato attivo. Il Presidente conferma che è stato esaminato in GE, ma che per mancanza di tempo  non è stato portato in approvazione e quindi verrà portato come delibera  al CD di maggio.

Al termine del CD il presidente ricorda che oggi ricorrono i 40 anni della fondazione dei LNS, ai quali augura di continuare con successo le ricerche che li hanno resi un polo di eccellenza a livello internazionale.

Elenco Delibere Approvate:

CD

14035

  Elezione cariche direttive: Elezione Direttore Sez. Bari - Prof. M. de Palma per il prossimo quadriennio

 

CD

14049

  costituzione Fondo per il trattamento accessorio del personale dei livelli IV – VIII per l’anno 2014

 

CD

14048

  approvazione “Amendment to the Heads of Agreement between ESS EIRC and INFN”

 

CD

14047

  approvazione "Contributo finanziario 2016 dell’INFN all’ECT* di Trento, attribuito in attuazione del Proto...

 

CD

14046

  approvazione " Addendum n. 47 to the Memorandum of Understanding for Collaboration in the Construction, the Ma...

 

CD

14045

  approvazione Convenzione tra l'INFN e l'Università degli Studi di Torino per il finanziamento di due posti di...

 

CD

14044

  approvazione Convenzione tra l'INFN e l'Università degli Studi di Roma Tre per il finanziamento di un posto d...

 

CD

14043

  approvazione Convenzione per il cofinanziamento della proroga del contratto di ricercatore universitario a tem...

 

CD

14042

  approvazione Convenzione tra INAF e INFN per la collaborazione in programmi scientifici dell'Area Torinese

 

CD

14041

  approvazione schema ”Accordo di collaborazione ASI-INFN n. 2016-1-H.0. Programma PAMELA-attività scientific...

 

CD

14040

  ratifica delibera GE n. 11035 del 15.4.2016: comando del Dott. U. Dosselli della Sez. Padova presso il MAECI, ...

 

CD

14057

  autorizzazione congedi straordinari per motivi di studio e ricerca (A. Bonasera/LNS)

 

CD

14053

  autorizzazione congedi straordinari per motivi studio e ricerca (P. Pierini/Milano, F. Pietropaolo/Padova)

 

CD

14058

  rettifica delibera CD n. 14001 relativa all’assegnazione contratti a tempo determinato art. 36 e 15

 

CD

14056

  assegnazione secondo contingente ore lavoro straordinario anno 2016, periodo maggio-settembre

 

CD

14055

  approvazione schema in “In-Kind Contribution Agreement between ESS ERIC and INFN Construction Phase e anness...

 

CD

14054

  ratifica delibera GE n. 11036 del 29.4.2016: approvazione Piano Triennale 2016-2018

 

CD

14060

  assegnazione contratti a tempo determinato art. 36 e 15

 

CD

14059

  assegnazione contratti ex art. 2222

 

CD

14052

  approvazione graduatorie concorso per conferimento borse di studio (rif. 17820/2015, 17821/2015, 17824/2015, 1...

 

CD

14051

  emissione bando concorso per assegnazione borse di studio, Sezz. Catania, LNF, LNS, Roma, Uff. Comunicazione

 

CD

14050

  emissione bando concorso per un posto a tempo indeterminato di Tecnologo III liv., Uff. Comunicazione

 

CD

14039

  ratifica delibera GE n. 11034 del 15.4.2016: approvazione graduatoria concorso per conferimento borsa di studi...

 

CD

14038

  Variazioni al Bilancio 2016

 

CD

14037

  Rendiconto Generale per l’esercizio finanziario 2015

 

CD

14036

  Riaccertamento dei residui attivi e passivi